3 maggio 2011

Spettatori di un paese allo sfascio

LA COSTITUZIONE CANCELLATA
E ALTRE DISOBBEDIENZE

Installazione e performance di e con Emilio Isgrò
regia di Emilio Isgrò con Franco Gervasio
a cura di Angelandreina Rorro con Linda Sorrenti
Con la partecipazione straordinaria di Francesca Benedetti e gli allievi dell’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”

Galleria nazionale d’arte moderna
Viale delle Belle Arti, 131 Roma
Sabato 7 maggio 2011 alle 12.00


Emilio Isgrò torna a disobbedire, e lo fa stavolta non nella sua isola, ma nella capitale della Repubblica, in uno dei templi dell’arte contemporanea. L’artista di Barcellona di Sicilia, classe 1937, sarà infatti protagonista di una performance alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Roma, dove vestirà nuovamente i panni di un insolito Giuseppe Garibaldi, già indossati  per l’inizio delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

LA PERFORMANCE
Lo scorso maggio era stata la città di Marsala, già scenario dello sbarco dei Mille, a far da quinta alla pièce teatrale dell’artista, che rievocava l’approdo dei garibaldini in Sicilia nel maggio del 1860. Questa volta  Isgrò si esibirà invece davanti al pubblico capitolino, circondato dai volumi della sua Costituzione Cancellata, senza il pericolo (o forse proprio con quell’intento) di risvegliare il “corpo” in alluminio dell’Italia che dorme, incurante di un nugolo di blatte che ne cospargono il letto e la corona turrita.

Tutto contribuisce al pathos dell’evento: l’inflessibile Italia personificata, i volumi della carta costituzionale, cura estrema di un’ammalata cronica per la quale la mano del cancellatore prevede le sorti più cupe. Dai leggii emergono qua e là motti ambigui: divertissement per i benpensanti; profezie funeste per i più accorti.
 - Lo Stato può essere sciolto da tre cittadini
- Può essere eletto Presidente della Repubblica ogni cittadino che abbia compiuto sette anni
- È senatore di diritto chi è nato di febbraio
- Così si è ridotta la patria per cui siamo morti? potrebbero chiedersi i martiri di Custoza o di San Martino, ritratti nelle tele risorgimentali di Giovanni Fattori e Michele Cammarano che rivestono le pareti del Salone. Che fine ha fatto la Verità, difesa strenuamente dal Giordano Bruno - cui la sala è intitolata – simbolo, per la tradizione repubblicana e garibaldina, della lotta contro gli ‘oscurantismi' e della libertà di pensiero?

Più concentrato sulle parole di Isgrò, apparirà l’imponente monumento in gesso del filosofo - opera di Ettore Ferrari –, insieme all’altro Garibaldi, quello del busto scolpito da Ercole Rosa, spettatori attenti rispetto all’incosciente Italia assopita.
Di fronte all'attuale passività, risuona il grido Disobbedisco a tutto!, cui fanno da coro gli allievi dell’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” di Roma.
Ospite speciale della pièce l’attrice Francesca Benedetti, l’indimenticabile protagonista di quella Orestea di Gibellina che, portata in scena da Isgrò tra il 1983 e il 1985, ha segnato una svolta nella storia del teatro.

LA MOSTRA
Performance estemporanea accessibile sabato 7 maggio.
Le opere ideate dall’artista siciliano come “grido di dolore nei confronti di un paese allo sfascio” – per citare le sue parole – rimarranno in mostra circa un mese, fino al 5 giugno, alla Galleria nazionale d’arte moderna.

GLI ANNIVERSARI
Oltre ai 150 anni del nostro Paese, la rassegna omaggia anche i 100 anni della sede attuale della Galleria nazionale d’arte moderna. Le collezioni vennero spostate nel 1915 all’attuale indirizzo di Viale delle Belle Arti nel maestoso palazzo ideato e realizzato da Cesare Bazzani proprio nel 1911, in occasione del cinquantenario dell’Italia unita. Al folto gruppo di rievocazioni si unisce anche la fatale performance di Emilio Isgrò, che punta a rinverdire il ruolo dell’artista condottiero del popolo in un doveroso atto di consapevolezza e responsabilità civile.

Evento collaterale a ROMA The Road to Contemporary, www.romacontemporary.it
In collaborazione con la galleria Boxart, www.boxartgallery.com

Nessun commento:

Posta un commento