14 luglio 2011

All'ombra di un gelso o di un ombrellone: libri per l'estate


Al riparo dalla routine, l'estate è un'ottima occasione di svago e letture. La mia futura scorpacciata è il risultato d libri scelti durante l'anno per scandire qualche ora d'ozio assoluto nella calma estiva.
I Giardini di Baghdad. Storia della mia famiglia perduta di Leilah Nadir per scoprire l'Iraq con gli occhi di una scrittrice di padre iracheno e madre inglese.
Il gatto nero di Michail Bulgakov è da seguire in Il maestro e Margherita, attraverso percorsi narrativi su vie insolite in una realtà in cui la normalità di vari e interessanti tipi umani viene particolamente scossa.
Rileggere un classico: Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll e sprofondare in universi fantastici, bambini e adulti.
Fermate il boia. No, non è un trattato di criminologia. È il genere intrigante della signora inglese del giallo. Agatha Christie.
Un'opera di teatro di Luigi Pirandello: Enico IV. Nell'improvvisazione teatrale e nella finzione i personaggi possono scoprire il vero.
Zia Mame di Patrick Dennis, pseudonimo di Edward Everett Tanner III. Opera scritta di getto e rifiutata da circa 19 editori alla sua prima proposta. In seguito fu un caso letterario dal successo clamoroso, premiato da un'attenzione di otto settimane nelle colonne del New York Times (1955). Zia Mame, non propriamente una classica Mary Poppins, è singolare eccentrica e “leggera”. La persona in apparenza meno responsabile a cui un comune genitore dotato di senno affiderebbe un bambino.
Infine qualche guida di viaggio.
Amsterdam, Cartoville da aprire e su cui scoprire i vari quartieri della città dove ha vissuto Vincent Van Gogh, tra i caffè, gli edifici dal culto religioso puritano, i vecchi magazzini restaurati, i docks, i teatri, i musei delle grandi civiltà antiche e moderne, gli esempi del Rinascimento olandese nei palazzi di mattoni rossi e pietre bianche, la magica illuminazione della città, lo stile liberty e i luoghi esotici che esprimono il carattere multietnico del posto.
Per far da contrappeso alla città nordica la guida del National Geographic sulla Spagna: tra mete più o meno conosciute, per rimanere nei confini dell'eterno Mediterraneo.

Nessun commento:

Posta un commento