18 novembre 2011

Personaggi fantastici e immaginari

I personaggi fantastici e immaginari abbondano nella tradizione, nella mitologia e sono spesso protagonisti di tante locali superstizioni. Il libro degli esseri immaginari di Jorge Luis Borges apre ai lettori un panorama di fate, draghi, elfi, gnomi, giganti, valchirie e tante altre figure che popolano l'immaginario più o meno comune dalla notte dei tempi. Tra le divinità minori si può scoprire che le millenarie fate sono comuni a greci, eschimesi e pellirosse.
Gli gnomi devono il loro nome all'alchimista svizzero Paracelso che gli attibuiva il potere di individuare il punto esatto in cui erano conservati oggetti preziosi.

In diverse epoche la mitologia ha proposto esseri dalla bellezza strana e bizarra che può sfociare anche nel mostruoso o nella deformazione. Un pò angeli e un pò demoni, le figure fantastiche descritte da Borges sembrano esorcizzare gli incubi che l'umanità si tramanda.


Un vero sogno invece per quanti/e (vogliamo contemplare entrambi i casi) svolgono faccende domestiche sono i brownies. Non sono dolci bensì piccoli uomini dal color cioccolato che, secondo la tradizione scozzese si occupano di riassettare la casa quando i proprietari... dormono. Robert Louis Stevenson raccontava di aver messo a servizio il suo brownie personale per avere suggerimenti letterari mentre scriveva un'opera fantasiosa come Doctor Jekyll e Mr Hyde.

Nessun commento:

Posta un commento