4 gennaio 2012

Titoli in borsa


Ci sono letture adatte alle diverse stagioni della vita. Ecco qualche titolo di libri dalla prosa asciutta e limpida che porterei volentieri in borsa.

Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne: un libro per l'infanzia per compiere un viaggio avventuroso dentro un sottomarino, scoprendo le insidie e i misteri sepolti nella profondità del mare.

L'isola di Arturo di Elsa Morante: racconta la vita di un ragazzo nel passaggio dalla magia dell'infanzia fino alla maturità percorrendo la via di mezzo dell'adolescenza. L'opera, ambientata a Procida, offre un affascinante approccio alla crescita, vista con gli occhi di un ragazzo.

L'età del malessere di Dacia Maraini. Il romanzo che ha rivelato il talento di questa scrittrice. Al centro un'adolescente ritratta nella ricerca della propria identità, nel mondo esterno e nella vita di relazione.

Quel che resta del giorno di Kazuo Ishiguro. Un romanzo brumoso e insieme ironico su un inappuntabile maggiordomo inglese fedele alle tradizioni e al dovere che rilegge la sua esistenza come una conseguenza di un modo d'essere.

I Buddenbrook di Thomas Mann. Per soddisfare la passione delle saghe familiari, questo romanzo descrive il mondo borghese dell'Ottocento e i valori a cui era ancorato.

Il gabbiano Jonathan Livingston di Richard Bach. Nel best seller di un pilota il protagonista guida il lettore in un viaggio sulla natura della libertà.


Nessun commento:

Posta un commento