20 febbraio 2012

L'orientamento sulle vie della seta





A Oriente
Città, Uomini e Dei sulle Vie della Seta


Percorso multimediale a cura di Studio Azzurro

Terme di Diocleziano, Roma

Le terme di Diocleziano ospitano un percorso di viaggio alla scoperta delle vie commerciali che hanno unito Europa e Asia nello scambio di stoffe pregiate. Questi percorsi esplorati e battuti da mercanti e viaggiatori, a partire da Venezia fino a città come Merv e Samarcanda, sono stati tracciati su mappe che hanno orientato gli uomini tra il II sec. a.C. e il XIV sec d.C. Lungo viaggi che duravano vite, all'insegna della contaminazione. Islam, Cristianesimo e Buddismo si confrontavano nella ricerca delle manifestazioni terrene del divino e nella definizione di bellezza.

La visita in un mondo tra realtà e racconto de Le Mille e una notte, propone personaggi immaginari (mercanti, cortigiane, soldati, sacerdoti e regine), o curiosità specifiche sulla bella regina Zenobia e la società di Palmira, suoni oggetti e fotografie di usi e costumi, indicando i luoghi del sacro in Asia come i monasteri e quelli del profano, fino a Samarcanda e alla lontana Cina. Sfogliando libri interattivi sull'Asia centrale, leggendo e ascoltando i racconti degli stranieri d'Occidente.

Calpestando il pavimento si può ricostruire la trama di un tappeto volante che una volta ricomposto sfumerà proiettando sul soffitto delle antiche terme romane una carovana di viaggiatori. Un altro schermo interattivo invece illustra le cinque fasi del baco da seta (la cura e l'alimentazione attraverso foglie di gelso), permettendo di ingrandire le immagini tramite una lente scorrevole sotto le dita.
Ci sono anche sale dedicate ai viaggiatori sognanti, filmati e ombre cinesi su paraventi, e una splendida mappa in seta proveniente dal Giappone con decorazioni e paesaggi in inchiostro blu e verde.
La sorpresa finale è la Bibbia di Marco Polo (Venezia 1254-1324) – trascritta di suo pugno e appartenuta a Cristoforo Colombo.

La mostra è visitabile fino al 26 febbraio.

Nessun commento:

Posta un commento