14 luglio 2013

Louise Nevelson a Palazzo Sciarra

LOUISE NEVELSON

Roma, fino / until 21.07.2013

Museo Fondazione Roma
Palazzo Sciarra
Via Marco Minghetti, 22

www.fondazioneromamuseo.it



Il Museo Fondazione Roma celebra sino al 21 Luglio 2013 la scultrice Louise Nevelson con un'ampia retrospettiva nelle sale di Palazzo Sciarra.
A cura di Bruno Corà, la mostra - promossa dalla Fondazione Roma, organizzata dalla Fondazione Roma-Arte-Musei con Arthemisia Group e realizzata con il patrocinio dell'Ambasciata Americana in collaborazione con la Nevelson Foundation di Philadelphia e la Fondazione Marconi di Milano -, riunisce oltre settanta opere dell'artista statunitense di origine russa che, assieme a Louise Bourgeois, ha segnato in maniera determinante l'arte americana del XX Secolo: il percorso espositivo ripercorre la sua parabola creativa dagli esordi degli anni '30 con disegni e terrecotte alle successive sculture, come gli assemblage in legno dipinto degli anni '50 e altri capolavori degli anni '60 e '70, sino alle significative opere della maturità degli anni '80. Da non perdere!

.........................................................................

The Museo Fondazione Roma celebrates until 21st of July 2013 the sculptor Louise Nevelson with a large retrospective in the Palazzo Sciarra rooms.
Curated by Bruno Corà, the exhibition - promoted by the Fondazione Roma, organised by the Fondazione Roma-Arte-Musei with the Arthemisia Group and supported by the American Embassy in association with the Nevelson Foundation of Philadelphia and the Fondazione Marconi of Milan -, shows over 70 works by the American artist of Russian origin, who together with Louise Bourgeois, inevitably marked American art in the XX century: the exhibition illustrates her career from the beginning in nineteen-thirties with drawings and terracottas through later sculptures such as the assemblages in painted wood created during the nineteen fifties, and several masterpieces from the sixties and seventies and significant mature works produced during the eighties. Not to be missed!


Fonte: Drome Magazine

Nessun commento:

Posta un commento