17 novembre 2013

Modigliani e il gruppo di Montparnasse


Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter
Fondazione Roma Museo – Palazzo Cipolla
14 Novembre 2013 – 6 Aprile 2014

Del genio livornese si è ricostruita la turbolenta vita a fianco di Jeanne Hébuterne e ammirata la straordinaria opera: Modigliani ci ha lasciato una vasta produzione ritrattistica, visto che considerava il paesaggio un genere poco attraente perché, così affermava, privo di vita a differenza dei personaggi che rappresentava. Ispirato dall’arte africana e dal duecento senese, Modigliani fu antesignano e rappresentante del gruppo di artisti, intellettuali d’avanguardia, poeti e musicisti che vissero nel quartiere parigino di Montparnasse, che ne fecero il loro luogo di ritrovo nella Parigi dei primi decenni del Novecento. La mostra romana raccoglie 100 opere appartenenti alla collezione Netter, rappresentante alsaziano e uno dei primi ammiratori di Modigliani, che venne sovente a contatto con gli artisti di Montparnasse. Netter fu guidato nei suoi acquisti d'arte dal mercante e poeta polacco Zborowski che spesso gli suggeriva artisti di scarsa fama e le cui produzioni avevano costi a lui accessibili. Ciò consentì a Netter di far suoi quelli che nel tempo si sarebbero rivelati autentici capolavori dell'arte europea di quel periodo. Troviamo tra gli altri, opere di amici di Modigliani come Utrillo e Soutine. In particolare Utrillo condivideva con Modigliani la stessa fatica quotidiana del vivere che affogava nel bere. Veniva spesso arrestato ubriaco pagando le sue cauzioni con dei quadri e fu indirizzato alla pittura a scopo terapeutico dal suo medico. Di Soutine si ricorda invece la fama che riuscì a ottenere in vita grazie all’incontro con un collezionista americano che fece la sua fortuna trasformandolo in un artista dandy e alla moda. Infine, sono anche esposte opere della madre di Utrillo, Susan Valadon, prima modella e amante di artisti affermati come Renoir. La Valadon, che venne amata pure da Toulouse Lautrec, divenne nel tempo una pittrice affermata e apprezzata.

Nella foto: Amedeo Modigliani. Ritratto di Jeanne Hébuterne, 1918

Nessun commento:

Posta un commento