8 gennaio 2016

Goethe: gli epigrammi veneziani


Casa di Goethe
Museo | Biblioteca | Foyer italo-tedesco
Via del Corso 18 (Piazza del Popolo) | 00186 Roma | Tel. 0632650412

 www.casadigoethe.it


Venerdi 15 gennaio 2016
ore 18.30 | In lingua italiana


Gli epigrammi veneziani di Goethe


STEFAN OSWALD |Gli epigrammi veneziani di Goethe
Modera MARIA GAZZETTI

Gli Epigrammi Veneziani sono una delle opere meno studiate di Goethe, poiché provocarono incomprensione e rifiuto da parte del pubblico e della critica. Goethe si esprime qui su argomenti “sensibili” come religione, politica, sessualità, formulando opinioni decisamente poco ortodosse, che mal si conciliano con i suoi consueti convincimenti e con l’idea del grande poeta coltivata dalla critica.

La freddezza con la quale gli epigrammi furono accolti è dovuta in buona parte ad un malinteso. Goethe assume a modello il poeta latino Marziale, famigerato per le sue poesie irriverenti. Ignorando tale riferimento, gli Epigrammi furono letti erroneamente come confessioni autobiografiche del poeta, destando scandalo per la radicalità e per la cinica spregiudicatezza di molte delle poesie.

Una volta superato questo fraintendimento, il ciclo degli Epigrammi Veneziani offre la possibilità di scoprire aspetti letterari inediti, che congiungono il distico, forma poetica classica per eccellenza, con osservazioni ed immagini di sorprendente modernità.

Dopo essersi laureato in Germanistica all’Università di Münster, Stephan Oswald ha insegnato lingua e letteratura tedesca presso vari Atenei italiani, tra cui l’Istituto Universitario Orientale di Napoli e Ca’ Foscari di Venezia. Per dieci anni è stato vice-direttore dell’Istituto di Cultura Germanica a Bologna. Dal 2003 insegna letteratura tedesca all’Università di Parma.

Nessun commento:

Posta un commento