30 settembre 2016



Bamboccioni-Generation



29 settembre 2016

Betty e Caroline Tischbein

Caroline Tischbein disegna la sorella Betty come Elisabeth per il Don Carlos di Friedrich Schiller , 1802

MARTINA SITT
La sorella dimenticata di Tischbein

Conferenza in lingua tedesca sulle biografie artistiche e sulla libertà sociale delle pittrici prima del 1800.

Giovedì 29 Settembre 2016
ore 19

Casa di Goethe, Roma

21 settembre 2016

Educare alle differenze 3




Educare alle differenze, terza edizione

La Rete: pratiche e pensieri
24 e 25 settembre 2016

c/o Scuola Media Testoni Fioravanti

Via de Vincenzi 55, Bologna


Benché siano in arrivo le linee guida per l'educazione all'affettività, come previsto nella legge della Buona Scuola, dopo le prime due edizioni svolte a Roma con migliaia di partecipanti, arriva a Bologna il 24 e il 25 settembre, come sempre nelle aule di una scuola pubblica, Educare alle Differenze il network nazionale - promosso da Il Progetto AliceSCOSSE e Stonewall  insieme a oltre 250 associazioni diffuse su tutto il territorio nazionale, per promuovere un’educazione che si fondi sulla valorizzazione delle differenze, sulla  parità e il rispetto di sé e dell’altra/o.


In un clima inquinato da fatti di cronaca nera e violenza, ll network di 
Educare alle Differenze punta il riflettore sulla scuola, con l’obiettivo di condividere strumenti e metodologie formative per far crescere in bambine/i e ragazze/i quelle competenze che li renderanno capaci di determinare autonomamente le proprie scelte future, la propria identità, le proprie relazioni e la propria sessualità nelle varie fasi dello sviluppo.

Sono centinaia le persone che si sono iscritte per partecipare a questa terza edizione: 800 uomini e donne, insegnanti, attivisti/e, operatrici del privato sociale, educatori, psicologhe, amministratori locali, editrici e ricercatori si incontreranno a Bologna, impegnati ogni giorno nella difesa della buona scuola, quella pubblica, laica e plurale, convinti che dalla scuola debba partire un nuovo modello di cittadinanza e che non si possa più attendere un altro caso di femminicidio, cyberbullismo o omofobia prima di promuovere interventi educativi su scala locale e nazionale che abbiano a tema l’educazione al rispetto delle differenze, ai sentimenti e la messa in discussione dei ruoli tradizionali, all’interno di famiglia, mass media e società, che pongono le donne e il “diverso” in una condizione di disparità.


NB Le iscrizioni per partecipare sono chiuse, visto l'altissimo numero di richieste già pervenute!

2 settembre 2016

Proprietà della salvia

La salvia è una pianta tipica della macchia mediterranea, cresce spontaneamente sulle coste e non richiede eccessiva cura se coltivata nell’orto di campagna, nel giardino di casa o nel balcone dell’appartamento in città. 

La salvia ha caratteristiche foglie aromatiche dal profumo gradevole e intenso, e piccoli fiori violacei. Nel tempo ha dimostrato di essere un potenziale e valido alleato per il suo impiego in medicina grazie alle proprietà antisettiche e antisudorifere. Dalla cura dei denti, i supermercati abbondano di dentifrici alla salvia dalle virtù sbiancanti, all’uso regolare in cucina all’interno di un regime dietetico volto a curare i disturbi dello stomaco, la salvia è un valido aiuto per i suoi oli essenziali. 

In caso di cattiva digestione, per esempio, è efficace bere tisane e decotti a base di salvia. La salvia, inoltre, si presta anche a condire primi e secondi: risotti e tagliatelle con il burro e salvia con una manciata di parmigiano, oppure le scaloppine di carne guarnite con le foglie di questa pianta sono di rapida preparazione e possono aiutare a rilassare l’apparato digerente e appagare, anche a regime dietetico controllato, il desiderio di mangiare con gusto.

Il risotto si prepara seguendo la classica preparazione di un brodo vegetale mentre in un tegame profondo si soffrigge della cipolla tritata e strisce di foglie di salvia nell’olio extravergine di oliva o in una noce di burro o margarina, a vostra scelta. Poco dopo si aggiunge il riso che va cotto e mantecato nel tegame versando gradualmente il brodo, a fuoco lento per quindici minuti. Quando il riso è quasi cotto, si aggiunge una manciata di formaggio, o un mix di questi ultimi che esalti i sapori. Si fa raffreddare il riso e poi si serve a tavola.

Il secondo di carne alla salvia prevede, per esempio, le classiche scaloppine di carne bianca o vitello. La carne va impanata nella farina tipo 00, dopodiché si soffrigge nella pentola una noce di burro e si stendono le fettine per la cottura. Dopo pochi minuti si poggia su ogni scaloppina una foglia di salvia, si lascia cuocere fino a indorare e si serve il secondo in un vassoio con foglie fresche di salvia a scopo decorativo.



Fonte: Cibo per curarsi. Gribaudo Editore, VR, 2002

Cassaro Alto: Festa dell'onestà


Si terrà domani a Palermo la Festa dell'onestà, un'occasione di incontro per ricordare il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e il suo esempio civile.
La festa si articolerà in una serie di spettacoli e sarà un momento di condivisione per quanti vi parteciperanno, per apprezzare musica, pittura, libri, teatro e cinema nella cornice del Cassaro, a Palermo.
Perché noi passiamo, mentre i luoghi restano.

Per il programma completo dell'evento consultare il sito 

http://www.festaonesta.it/

La festa dell'onesta
Palermo
Cassaro Alto
3 Settembre 2016

ore 9.00-22.30